Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Per avere maggiori informazioni sui cookies che usiamo e come eliminarli, consulta la nostra privacy policy

Accetto l’utilizzo dei cookies su questo sito 

 
 
“Astro Young! La scienza inclusiva a misura di giovane”
Pubblicato
3 mesi fa
Autore
Anisa Shehu

ASSOCIAZIONE TUSCOLANA DI ASTRONOMIA “LIVIO GRATTON” - Parte il progetto:

“Astro Young! La scienza inclusiva a misura di giovane”

Tutto pronto per il progetto Astro Young che porterà tra i più giovani la scienza e la passione per gli astri. Nelle aule scolastiche e poi all’interno degli osservatori astronomici e dei planetari, studenti e studentesse delle scuole secondarie di secondo grado del Lazio selezionate potranno dapprima imparare i trucchi del “mestiere” dell’astrofilo e poi indossare i panni del ricercatore e del divulgatore scientifico, organizzando attività anche in chiave inclusiva. Il progetto, innovativo nel suo genere, è organizzato dall’Associazione Tuscolana di Astronomia “Livio Gratton” (ATA), capofila, dall’Associazione Pontina di Astronomia (APA) e dall’Associazione Romana Astrofili (ARA) – tutte attive nel campo della promozione e diffusione della cultura scientifica – con il contributo economico della Regione Lazio (bando Comunità solidali).

Con il progetto Astro Young i più giovani da fruitori del sapere scientifico diventano abili divulgatori ed esploratori della scienza, nonché protagonisti del processo di costruzione delle conoscenze. “Gli obiettivi principali del progetto Astro Young, erogato nel circuito PCTO (percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), sono la promozione della partecipazione e del protagonismo dei minori e dei giovani e il sostegno all’inclusione sociale, in particolare delle persone con disabilità e non autosufficienti, mediante la diffusione della cultura scientifica, principalmente astronomica”, spiega Federico Badoni, socio astrofilo ATA e referente del progetto. “L’obiettivo finale del progetto è la creazione di gruppi astrofili giovanili all’interno degli Istituti scolastici in grado di lavorare in maniera autonoma”.

Il primo step è il corso di formazione per docenti, tutor e operatori coinvolti nel progetto. Il corso, che dà ufficialmente il via al progetto Astro Young, si svolgerà il 14 e 15 ottobre 2022 presso l’Osservatorio astronomico di Frasso Sabino (RI) gestito dall’Associazione Romana Astrofili. Articolato in lezioni online e frontali, il corso mira a illustrare ai partecipanti tutte le fasi del progetto e a fornire conoscenze avanzate e strumenti per realizzare le attività previste. Il corso, pubblicato sulla piattaforma del MIUR e valido per l’aggiornamento professionale dei docenti, sarà a cura di personale altamente qualificato.

Si passerà poi alla fase più operativa. Il progetto Astro Young coinvolgerà le province di Roma, Latina e Rieti, coincidenti con le aree di pertinenza delle associazioni astrofile aderenti al partenariato. Ogni Associazione si rivolgerà a un gruppo di scuole secondarie di secondo grado, alle quali offrirà due distinti percorsi dedicati alla divulgazione e alla ricerca scientifica, articolati in attività teoriche e pratiche da svolgere a scuola, presso gli Osservatori astronomici e nei Planetari gestiti dalle associazioni partner del progetto: Osservatorio e Planetario “V. Cesarini” a Frasso Sabino (RI), Parco astronomico “Livio Gratton” a Rocca di Papa (RM) e Osservatorio astronomico APA presso Fattoria Prato di Coppola a Latina.

In particolare, gli studenti e le studentesse, dopo un ciclo di lezioni teoriche sui banchi di scuola, potranno toccare con mano gli strumenti di osservazione astronomica per raccogliere dati da analizzare con appositi software – se sceglieranno di seguire il percorso “ricerca” – oppure saranno alle prese con l’organizzazione di una conferenza scientifica o di un percorso espositivo indirizzato alle persone con disabilità motoria e sensoriale – se iscritti al modulo “divulgazione”. A chiudere il percorso formativo sarà uno speciale Star Party, sempre a cura dei più giovani: “al termine del progetto, i gruppi astrofili giovanili organizzeranno, con il supporto logistico delle associazioni partner, un campo astronomico presso una location di montagna con basso livello di inquinamento luminoso per condividere in gruppo le esperienze e i risultati raggiunti”, conclude Badoni.

Ulteriori info sul sito: https://lnx.ataonweb.it/wp/2022/10/parte-il-progetto-astro-young-la-scienza-inclusiva-a-misura-di-giovane/

CONDIVIDI

ASSOCIAZIONE TUSCOLANA DI ASTRONOMIA “LIVIO GRATTON” - Parte il progetto:

“Astro Young! La scienza inclusiva a misura di giovane”

Tutto pronto per il progetto Astro Young che porterà tra i più giovani la scienza e la passione per gli astri. Nelle aule scolastiche e poi all’interno degli osservatori astronomici e dei planetari, studenti e studentesse delle scuole secondarie di secondo grado del Lazio selezionate potranno dapprima imparare i trucchi del “mestiere” dell’astrofilo e poi indossare i panni del ricercatore e del divulgatore scientifico, organizzando attività anche in chiave inclusiva. Il progetto, innovativo nel suo genere, è organizzato dall’Associazione Tuscolana di Astronomia “Livio Gratton” (ATA), capofila, dall’Associazione Pontina di Astronomia (APA) e dall’Associazione Romana Astrofili (ARA) – tutte attive nel campo della promozione e diffusione della cultura scientifica – con il contributo economico della Regione Lazio (bando Comunità solidali).

Con il progetto Astro Young i più giovani da fruitori del sapere scientifico diventano abili divulgatori ed esploratori della scienza, nonché protagonisti del processo di costruzione delle conoscenze. “Gli obiettivi principali del progetto Astro Young, erogato nel circuito PCTO (percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), sono la promozione della partecipazione e del protagonismo dei minori e dei giovani e il sostegno all’inclusione sociale, in particolare delle persone con disabilità e non autosufficienti, mediante la diffusione della cultura scientifica, principalmente astronomica”, spiega Federico Badoni, socio astrofilo ATA e referente del progetto. “L’obiettivo finale del progetto è la creazione di gruppi astrofili giovanili all’interno degli Istituti scolastici in grado di lavorare in maniera autonoma”.

Il primo step è il corso di formazione per docenti, tutor e operatori coinvolti nel progetto. Il corso, che dà ufficialmente il via al progetto Astro Young, si svolgerà il 14 e 15 ottobre 2022 presso l’Osservatorio astronomico di Frasso Sabino (RI) gestito dall’Associazione Romana Astrofili. Articolato in lezioni online e frontali, il corso mira a illustrare ai partecipanti tutte le fasi del progetto e a fornire conoscenze avanzate e strumenti per realizzare le attività previste. Il corso, pubblicato sulla piattaforma del MIUR e valido per l’aggiornamento professionale dei docenti, sarà a cura di personale altamente qualificato.

Si passerà poi alla fase più operativa. Il progetto Astro Young coinvolgerà le province di Roma, Latina e Rieti, coincidenti con le aree di pertinenza delle associazioni astrofile aderenti al partenariato. Ogni Associazione si rivolgerà a un gruppo di scuole secondarie di secondo grado, alle quali offrirà due distinti percorsi dedicati alla divulgazione e alla ricerca scientifica, articolati in attività teoriche e pratiche da svolgere a scuola, presso gli Osservatori astronomici e nei Planetari gestiti dalle associazioni partner del progetto: Osservatorio e Planetario “V. Cesarini” a Frasso Sabino (RI), Parco astronomico “Livio Gratton” a Rocca di Papa (RM) e Osservatorio astronomico APA presso Fattoria Prato di Coppola a Latina.

In particolare, gli studenti e le studentesse, dopo un ciclo di lezioni teoriche sui banchi di scuola, potranno toccare con mano gli strumenti di osservazione astronomica per raccogliere dati da analizzare con appositi software – se sceglieranno di seguire il percorso “ricerca” – oppure saranno alle prese con l’organizzazione di una conferenza scientifica o di un percorso espositivo indirizzato alle persone con disabilità motoria e sensoriale – se iscritti al modulo “divulgazione”. A chiudere il percorso formativo sarà uno speciale Star Party, sempre a cura dei più giovani: “al termine del progetto, i gruppi astrofili giovanili organizzeranno, con il supporto logistico delle associazioni partner, un campo astronomico presso una location di montagna con basso livello di inquinamento luminoso per condividere in gruppo le esperienze e i risultati raggiunti”, conclude Badoni.

Ulteriori info sul sito: https://lnx.ataonweb.it/wp/2022/10/parte-il-progetto-astro-young-la-scienza-inclusiva-a-misura-di-giovane/

Scarica materiale
 
 
Il CastellInforma è uno strumento di divulgazione online degli eventi di interesse culturale sociale e turistico dei Castelli Romani. Curato dal Consorzio Sistema Castelli Romani (SCR), cui aderiscono i 17 Comuni dei Castelli, è un servizio delle biblioteche per il territorio.
 
Informazioni aggiuntive sugli eventi pubblicati andranno richieste agli organizzatori ai recapiti indicati. La Redazione declina ogni responsabilità per variazioni/cancellazioni degli eventi segnalati
 
Registrazione al Tribunale di Velletri N.7/12 del 13/04/2012
 
 
castellinforma
Consorzio Sistema Castelli Romani
Viale Giuseppe Mazzini, 12
Genzano di Roma (RM)
 
contatti
Telefono: 0693956063
info@castellinforma.it
facebook/castellinforma
 
 
 
 
DIRETTORE RESPONSABILE:
Claudia Recchi
 
REDAZIONE EVENTI:
Marta Di Flumeri, Maurizio Reali, Chiara Rondoni
 
WEBMASTER:
Valerio Marino
 
SVILUPPO