Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Per avere maggiori informazioni sui cookies che usiamo e come eliminarli, consulta la nostra privacy policy

Accetto l’utilizzo dei cookies su questo sito 

 
 
Peso Piuma
 
 
Dove e Quando
Casa Delle Culture e Della Musica
Piazza Trento e Trieste - Velletri (RM)
DOM 19 GIUGNO 2022 - ore 18:30

Come
Evento per: Adulti, Giovani, Senior
Specifiche pagamento: Ingresso Intero € 13,50 Ridotto € 10 (under 26 Over 65)
Prenotazione: No
Per informazioni
 

ZEBRA/SILVIA GRIBAUDI

Peso Piuma è stato creato all’interno del progetto “SWANS NEVER DIE”

di: Lavanderia a Vapore – Centro di Residenza per la Danza (Piemonte dal Vivo – Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo, Coorpi, Didee Arti e Comunicazioni, Mosaico Danza, Zerogrammi); Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporanea CSC Bassano del Grappa; Triennale Milano Teatro; Fondazione Teatro Grande di Brescia; Festival Bolzano Danza – Fondazione Haydn; Gender Bender Festival; “Memory in Motion. Re-Membering Dance History (Mnemedance)” – Università Ca’ Foscari Venezia; DAMS – Università degli Studi di Torino

“In 15 minuti – spiega Silvia Gribaudi – insieme con il pubblico, ripeto la ricerca dell’intimità del corpo, l’abbandono ad esso. Un ricostruire nuovi movimenti, con fatica e felicità, ripetendo quelle braccia e quel collo spezzato che Anna Pavlova ha resi iconici. Cerco di partire dal mio corpo con quei passi che danno slancio dentro alla caduta. È un cadere per rialzarsi”

Una performance ispirata a “La morte del cigno” e alla sua prima versione del 1901, creata da Michel Fokine e danzata da Anna Pavlova che nella sua interpretazione inserì movimenti che erano espressione del proprio sentire, rivoluzionando i codici della danza del 1900.

 

---

Cogliere l’originalità e la specificità dei linguaggi del contemporaneo

Il format mette insieme due esigenze, da un lato creare appuntamenti intensivi ricchi di proposte che animino la città e vadano incontro ai cittadini, attraverso incursioni urbane e performance outdoor, durante le quali gli artisti abbiano modo di incontrarsi, condividere, entrare in relazione e gli spettatori di partecipare, e dall’altro offrire una programmazione continuativa che possa fidelizzare il pubblico nel tempo.

Raccoglie al suo interno diverse sezioni tematiche che si sviluppano a partire dall’interesse per la multidisciplinarietà, per il dialogo fra le arti, per l’apertura all’internazionalità e alla relazione fra le culture.

dialogo tra corpo/danza e architetture/ beni culturali /paesaggi urbani
dialogo tra danza e nuove tecnologie
dialogo tra percorso creativo e percorso pedagogico
dialogo tra le arti danza/poesia/letteratura/arti visive/musica/cinema
nuove generazioni di autori

---

Il festival Paesaggi del Corpo è realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte con il contributo di Regione Lazio, in collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri, con il patrocinio del Comune di Velletri. Direzione artistica di Patrizia Cavola, in collaborazione con Ivan Truol. Si svolge a Velletri (RM) presso il Teatro Artemisio Gian Maria Volonté, la Casa delle Culture e della Musica e nel centro storico,  luoghi scelti con l’attenzione a valorizzare il patrimonio culturale della città. Le residenze artistiche e i laboratori animano gli spazi de La Scatola dell’Arte di Roma, sede dell’associazione culturale  e le scuole di danza del territorio. 

CONDIVIDI
 
 
 
 
 

ZEBRA/SILVIA GRIBAUDI

Peso Piuma è stato creato all’interno del progetto “SWANS NEVER DIE”

di: Lavanderia a Vapore – Centro di Residenza per la Danza (Piemonte dal Vivo – Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo, Coorpi, Didee Arti e Comunicazioni, Mosaico Danza, Zerogrammi); Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporanea CSC Bassano del Grappa; Triennale Milano Teatro; Fondazione Teatro Grande di Brescia; Festival Bolzano Danza – Fondazione Haydn; Gender Bender Festival; “Memory in Motion. Re-Membering Dance History (Mnemedance)” – Università Ca’ Foscari Venezia; DAMS – Università degli Studi di Torino

“In 15 minuti – spiega Silvia Gribaudi – insieme con il pubblico, ripeto la ricerca dell’intimità del corpo, l’abbandono ad esso. Un ricostruire nuovi movimenti, con fatica e felicità, ripetendo quelle braccia e quel collo spezzato che Anna Pavlova ha resi iconici. Cerco di partire dal mio corpo con quei passi che danno slancio dentro alla caduta. È un cadere per rialzarsi”

Una performance ispirata a “La morte del cigno” e alla sua prima versione del 1901, creata da Michel Fokine e danzata da Anna Pavlova che nella sua interpretazione inserì movimenti che erano espressione del proprio sentire, rivoluzionando i codici della danza del 1900.

 

---

Cogliere l’originalità e la specificità dei linguaggi del contemporaneo

Il format mette insieme due esigenze, da un lato creare appuntamenti intensivi ricchi di proposte che animino la città e vadano incontro ai cittadini, attraverso incursioni urbane e performance outdoor, durante le quali gli artisti abbiano modo di incontrarsi, condividere, entrare in relazione e gli spettatori di partecipare, e dall’altro offrire una programmazione continuativa che possa fidelizzare il pubblico nel tempo.

Raccoglie al suo interno diverse sezioni tematiche che si sviluppano a partire dall’interesse per la multidisciplinarietà, per il dialogo fra le arti, per l’apertura all’internazionalità e alla relazione fra le culture.

dialogo tra corpo/danza e architetture/ beni culturali /paesaggi urbani
dialogo tra danza e nuove tecnologie
dialogo tra percorso creativo e percorso pedagogico
dialogo tra le arti danza/poesia/letteratura/arti visive/musica/cinema
nuove generazioni di autori

---

Il festival Paesaggi del Corpo è realizzato dall’associazione culturale La Scatola dell’Arte con il contributo di Regione Lazio, in collaborazione con FONDARC Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri, con il patrocinio del Comune di Velletri. Direzione artistica di Patrizia Cavola, in collaborazione con Ivan Truol. Si svolge a Velletri (RM) presso il Teatro Artemisio Gian Maria Volonté, la Casa delle Culture e della Musica e nel centro storico,  luoghi scelti con l’attenzione a valorizzare il patrimonio culturale della città. Le residenze artistiche e i laboratori animano gli spazi de La Scatola dell’Arte di Roma, sede dell’associazione culturale  e le scuole di danza del territorio. 

 
 
Il CastellInforma è uno strumento di divulgazione online degli eventi di interesse culturale sociale e turistico dei Castelli Romani. Curato dal Consorzio Sistema Castelli Romani (SCR), cui aderiscono i 17 Comuni dei Castelli, è un servizio delle biblioteche per il territorio.
 
Informazioni aggiuntive sugli eventi pubblicati andranno richieste agli organizzatori ai recapiti indicati. La Redazione declina ogni responsabilità per variazioni/cancellazioni degli eventi segnalati
 
Registrazione al Tribunale di Velletri N.7/12 del 13/04/2012
 
 
castellinforma
Consorzio Sistema Castelli Romani
Viale Giuseppe Mazzini, 12
Genzano di Roma (RM)
 
contatti
Telefono: 0693956063
info@castellinforma.it
facebook/castellinforma
 
 
 
 
DIRETTORE RESPONSABILE:
Claudia Recchi
 
REDAZIONE EVENTI:
Marta Di Flumeri, Maurizio Reali, Chiara Rondoni
 
WEBMASTER:
Valerio Marino
 
SVILUPPO