Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Per avere maggiori informazioni sui cookies che usiamo e come eliminarli, consulta la nostra privacy policy

Accetto l’utilizzo dei cookies su questo sito 

 
 
Il territorio di Lariano dalle origini ai giorni nostri
 
 
 
Dove e Quando
Centro Polifunzionale 'Tiberio Bartoli'
Via Roma - Lariano (RM)
GIO 30 SETTEMBRE 2021 - ore 17:30 - 19:00

Come
Evento per: Adulti, Giovani, Ragazzi, Senior
Ingresso: Gratuito
Prenotazione: Si
Telefono di prenotazione: 0696499204 - 9218
 
NOTE
Accesso con Green Pass o tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. Mascherina obbligatoria
Per informazioni
Tel: 0696499204 - 9218
 

Visita guidata al Museo - Mostra archeologica inaugurata il 9 settembre, su prenotazione telefonica.
A cura dell'Amministrazione comunale, con il contributo della Banca popolare del Lazio.

Dal comunicato stampa:

Viene inaugurata dall’Amministrazione comunale di Lariano una sala dedicata all’archeologia, allestita nel Centro Polifunzionale, con una mostra che permette di seguire lo sviluppo dell’occupazione umana nel territorio, dalla preistoria sino all’epoca contemporanea. Saranno esposte le testimonianze più significative provenienti da Lariano, grazie allo studio e alla selezione dei materiali che sono custoditi in un deposito della Soprintendenza presente nella stessa struttura. I reperti derivano in gran parte da raccolte di superficie e scavi di emergenza eseguiti negli ultimi decenni dalla Soprintendenza, in collaborazione con il Gruppo archeologico locale, ma sono presenti anche manufatti provenienti da donazioni e rinvenimenti fortuiti. 

Fanno parte dei materiali in mostra diversi strumenti di pietra di epoca preistorica, numerose testimonianze dell’età del Ferro, reperti di età arcaica e di epoca romana repubblicana ed imperiale, tra i quali decorazioni architettoniche e alcuni frammenti di sculture marmoree, tra i quali spiccano una testa femminile ed una virile. Completa la mostra una sezione sull’epoca medievale, rappresentata da frammenti ceramici e reperti scultorei provenienti dal castello del Maschio d’Ariano, unitamente ad una raccolta di oggetti di epoca moderna e contemporanea. 

Con particolare soddisfazione dell’amministrazione comunale, per la mostra è stato concesso in prestito dal Museo delle Navi Romane di Nemi anche l’importante corredo principesco della tomba di Colle Mozzo. Scoperta da alcuni membri del gruppo archeologico locale e indagata dalla Soprintendenza nel 1990, la tomba apparteneva ad un aristocratico latino del VII sec. a.C.

Tra i materiali in mostra si segnalano alcuni oggetti che sono dei veri e propri “primati” per la storia di Lariano: vi sono alcuni reperti votivi risalenti all’età del Ferro, che rappresentano la più antica testimonianza di un luogo di culto nell’area larianese, mentre tra i materiali della tomba di Colle Mozzo, è presente una lancia in ferro che conserva un’impronta di tessuto, rimasta impressa nell’ossidazione metallica. Si tratta di un oggetto di particolare rilievo, che costituisce la prima attestazione di un manufatto tessile nota nei Castelli romani.

Altro elemento di rilievo è il catalogo della mostra, che raccoglie dati e notizie già sinteticamente espressi nella pannellistica che correda le vetrine espositive e che propone diverse schede di approfondimento redatte da studiosi e specialisti di vari settori dell’archeologia. 

CONDIVIDI
 
 
 
 

Visita guidata al Museo - Mostra archeologica inaugurata il 9 settembre, su prenotazione telefonica.
A cura dell'Amministrazione comunale, con il contributo della Banca popolare del Lazio.

Dal comunicato stampa:

Viene inaugurata dall’Amministrazione comunale di Lariano una sala dedicata all’archeologia, allestita nel Centro Polifunzionale, con una mostra che permette di seguire lo sviluppo dell’occupazione umana nel territorio, dalla preistoria sino all’epoca contemporanea. Saranno esposte le testimonianze più significative provenienti da Lariano, grazie allo studio e alla selezione dei materiali che sono custoditi in un deposito della Soprintendenza presente nella stessa struttura. I reperti derivano in gran parte da raccolte di superficie e scavi di emergenza eseguiti negli ultimi decenni dalla Soprintendenza, in collaborazione con il Gruppo archeologico locale, ma sono presenti anche manufatti provenienti da donazioni e rinvenimenti fortuiti. 

Fanno parte dei materiali in mostra diversi strumenti di pietra di epoca preistorica, numerose testimonianze dell’età del Ferro, reperti di età arcaica e di epoca romana repubblicana ed imperiale, tra i quali decorazioni architettoniche e alcuni frammenti di sculture marmoree, tra i quali spiccano una testa femminile ed una virile. Completa la mostra una sezione sull’epoca medievale, rappresentata da frammenti ceramici e reperti scultorei provenienti dal castello del Maschio d’Ariano, unitamente ad una raccolta di oggetti di epoca moderna e contemporanea. 

Con particolare soddisfazione dell’amministrazione comunale, per la mostra è stato concesso in prestito dal Museo delle Navi Romane di Nemi anche l’importante corredo principesco della tomba di Colle Mozzo. Scoperta da alcuni membri del gruppo archeologico locale e indagata dalla Soprintendenza nel 1990, la tomba apparteneva ad un aristocratico latino del VII sec. a.C.

Tra i materiali in mostra si segnalano alcuni oggetti che sono dei veri e propri “primati” per la storia di Lariano: vi sono alcuni reperti votivi risalenti all’età del Ferro, che rappresentano la più antica testimonianza di un luogo di culto nell’area larianese, mentre tra i materiali della tomba di Colle Mozzo, è presente una lancia in ferro che conserva un’impronta di tessuto, rimasta impressa nell’ossidazione metallica. Si tratta di un oggetto di particolare rilievo, che costituisce la prima attestazione di un manufatto tessile nota nei Castelli romani.

Altro elemento di rilievo è il catalogo della mostra, che raccoglie dati e notizie già sinteticamente espressi nella pannellistica che correda le vetrine espositive e che propone diverse schede di approfondimento redatte da studiosi e specialisti di vari settori dell’archeologia. 

 
Scarica materiale
 
 
Il CastellInforma è uno strumento di divulgazione online degli eventi di interesse culturale sociale e turistico dei Castelli Romani. Curato dal Consorzio Sistema Castelli Romani (SCR), cui aderiscono i 17 Comuni dei Castelli, è un servizio delle biblioteche per il territorio.
 
Informazioni aggiuntive sugli eventi pubblicati andranno richieste agli organizzatori ai recapiti indicati. La Redazione declina ogni responsabilità per variazioni/cancellazioni degli eventi segnalati
 
Registrazione al Tribunale di Velletri N.7/12 del 13/04/2012
 
 
castellinforma
Consorzio Sistema Castelli Romani
Viale Giuseppe Mazzini, 12
Genzano di Roma (RM)
 
contatti
Telefono: 0693956063
info@castellinforma.it
facebook/castellinforma
 
 
 
 
DIRETTORE RESPONSABILE:
Claudia Recchi
 
REDAZIONE EVENTI:
Marta Di Flumeri, Maurizio Reali, Chiara Rondoni
 
WEBMASTER:
Valerio Marino
 
SVILUPPO