Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Per avere maggiori informazioni sui cookies che usiamo e come eliminarli, consulta la nostra privacy policy

Accetto l’utilizzo dei cookies su questo sito 

 
 
Entropia - Mostra collettiva
 
 
 
Dove e Quando
Studio Lab 138
Via del mare 138 - Pavona (Albano Laziale) (RM)
Da LUN 20 SETTEMBRE 2021 a DOM 10 OTTOBRE 2021

Come
Evento per: Adulti, Giovani, Ragazzi, Senior
Prenotazione: Si
Email di prenotazione: prenotazioni.amicidipalazzo@gmail.com
Telefono di prenotazione: 3273371588
Per informazioni
Tel: 3273371588
 

Con il concorso Entropia, Studio Lab 138 ha invitato gli artisti a progettare e installare una o più opere che non avessero necessità di muri.

Opere che potessero essere esposte in musei e strutture "intoccabili".

In questa prospettiva sono stati selezionati 9 progetti che, oltre a mettere in campo il concetto di Entropia, meglio si prestavano al dialogo tra arte contemporanea e luoghi storici.

La mostra concorso prevede un premio assegnato dalla giuria tecnica e, grazie al coinvolgimento attivo del pubblico, un premio assegnato dalla giuria popolare composta dai visitatori della mostra.

Inaugurazione 20 settembre ore 18:30

La mostra sarà visitabile dal 20 settembre al 10 ottobre su appuntamento telefonico al recapito indicato

---

Mahmoud Barati riflette sulla circolarità della vita, sulla decadenza e la rigenerazione della natura, mettendo a disposizione del pubblico un busto di creta, Ritratto del professor Biasci, per essere toccato, modificato, rovinato. Un’esperienza tattile che trasforma inevitabilmente ed entropicamente l’opera.

Persistenze è un libro rilegato a mano con cui, Elena Boni, mette in campo una riflessione sulla memoria, sull’impermanenza, e sul processo irreversibile a cui tutto, oggetti, animali, persone, è destinato.

La serie di stampe contenute nel libro il cui titolo si ispira al fenomeno visivo delle cosiddette persistenze retiniche, danno l’idea del processo entropico a cui anche le immagini di questo libro sono e saranno sottoposte.

Un concetto espresso anche da Irene De Sanctis, in arte Eirene, con Vanitas I, che proponendo una natura morta, inevitabilmente ci invita ad una riflessione sul tempo e sull’entropia dell'Universo.

Ajantha DumindDa Jayarasuriya, in arte DuminDa, propone TRI-MOODS. Tre sculture liberamente ispirate alla tradizione culturale Asiatica. Realizzati con carta di giornale cingalese, i tre guerrieri, portano nello spazio espositivo la contemporaneità degli slogan pubblicitari e una iconografia inconsueta per noi occidentali, abituati a pensare all’Antico come a qualcosa relativo alla scultura greco romana.

L’installazione di Werther Germondari, ENTROPIA URBANA, è un’opera che presenta due differenti momenti temporali dello stesso spazio. Ricordandoci l’esperienza quotidiana che cui tutti noi, nelle nostre case, nei nostri spazi, abbiamo con il concetto di disordine ed entropia.

Con The Factory, Claudia Lodolo, traduce tridimensionalmente la sua visione di circolarità Eco-Entropica. Gli elementi artificiali, il gregge di macchinine nere, attraverso un processo di purificazione, tornano ad essere naturali, ovvero, un gregge di pecore.

Molto più pessimista, Preghiera di Mario Naccarato, il quale rievocando la catastrofe atomica, la massima espressione dell’entropia (misura dello stato di disordine di un sistema), ci ricorda che la politica antropocentrica messa in praticata dall’uomo contemporaneo, conduce inevitabilmente all’autodistruzione.

Dafne y Selene con Domino mettono sul tavolo “un mosaico carico di possibilità”. Le tessere “ordinatamente posizionate alla rinfusa” sul piano espositivo, contraddicono le regole del famoso gioco.

Professore di fisica, Roberto Zingoni, attingendo al suo bagaglio culturale per tradurre, tridimensionalmente, una delle possibili traiettorie browniane e il corrispondente valore della costante di Boltzmann. Idealmente collocato all’interno di una lente La Passeggiata costante di Boltzmann, mette in campo il concetto di Entropia e la relazione tra arte e scienza.

CONDIVIDI
 
 
 
 

Con il concorso Entropia, Studio Lab 138 ha invitato gli artisti a progettare e installare una o più opere che non avessero necessità di muri.

Opere che potessero essere esposte in musei e strutture "intoccabili".

In questa prospettiva sono stati selezionati 9 progetti che, oltre a mettere in campo il concetto di Entropia, meglio si prestavano al dialogo tra arte contemporanea e luoghi storici.

La mostra concorso prevede un premio assegnato dalla giuria tecnica e, grazie al coinvolgimento attivo del pubblico, un premio assegnato dalla giuria popolare composta dai visitatori della mostra.

Inaugurazione 20 settembre ore 18:30

La mostra sarà visitabile dal 20 settembre al 10 ottobre su appuntamento telefonico al recapito indicato

---

Mahmoud Barati riflette sulla circolarità della vita, sulla decadenza e la rigenerazione della natura, mettendo a disposizione del pubblico un busto di creta, Ritratto del professor Biasci, per essere toccato, modificato, rovinato. Un’esperienza tattile che trasforma inevitabilmente ed entropicamente l’opera.

Persistenze è un libro rilegato a mano con cui, Elena Boni, mette in campo una riflessione sulla memoria, sull’impermanenza, e sul processo irreversibile a cui tutto, oggetti, animali, persone, è destinato.

La serie di stampe contenute nel libro il cui titolo si ispira al fenomeno visivo delle cosiddette persistenze retiniche, danno l’idea del processo entropico a cui anche le immagini di questo libro sono e saranno sottoposte.

Un concetto espresso anche da Irene De Sanctis, in arte Eirene, con Vanitas I, che proponendo una natura morta, inevitabilmente ci invita ad una riflessione sul tempo e sull’entropia dell'Universo.

Ajantha DumindDa Jayarasuriya, in arte DuminDa, propone TRI-MOODS. Tre sculture liberamente ispirate alla tradizione culturale Asiatica. Realizzati con carta di giornale cingalese, i tre guerrieri, portano nello spazio espositivo la contemporaneità degli slogan pubblicitari e una iconografia inconsueta per noi occidentali, abituati a pensare all’Antico come a qualcosa relativo alla scultura greco romana.

L’installazione di Werther Germondari, ENTROPIA URBANA, è un’opera che presenta due differenti momenti temporali dello stesso spazio. Ricordandoci l’esperienza quotidiana che cui tutti noi, nelle nostre case, nei nostri spazi, abbiamo con il concetto di disordine ed entropia.

Con The Factory, Claudia Lodolo, traduce tridimensionalmente la sua visione di circolarità Eco-Entropica. Gli elementi artificiali, il gregge di macchinine nere, attraverso un processo di purificazione, tornano ad essere naturali, ovvero, un gregge di pecore.

Molto più pessimista, Preghiera di Mario Naccarato, il quale rievocando la catastrofe atomica, la massima espressione dell’entropia (misura dello stato di disordine di un sistema), ci ricorda che la politica antropocentrica messa in praticata dall’uomo contemporaneo, conduce inevitabilmente all’autodistruzione.

Dafne y Selene con Domino mettono sul tavolo “un mosaico carico di possibilità”. Le tessere “ordinatamente posizionate alla rinfusa” sul piano espositivo, contraddicono le regole del famoso gioco.

Professore di fisica, Roberto Zingoni, attingendo al suo bagaglio culturale per tradurre, tridimensionalmente, una delle possibili traiettorie browniane e il corrispondente valore della costante di Boltzmann. Idealmente collocato all’interno di una lente La Passeggiata costante di Boltzmann, mette in campo il concetto di Entropia e la relazione tra arte e scienza.

 
Scarica materiale
 
 
 
 
 
Il CastellInforma è uno strumento di divulgazione online degli eventi di interesse culturale sociale e turistico dei Castelli Romani. Curato dal Consorzio Sistema Castelli Romani (SCR), cui aderiscono i 17 Comuni dei Castelli, è un servizio delle biblioteche per il territorio.
 
Informazioni aggiuntive sugli eventi pubblicati andranno richieste agli organizzatori ai recapiti indicati. La Redazione declina ogni responsabilità per variazioni/cancellazioni degli eventi segnalati
 
Registrazione al Tribunale di Velletri N.7/12 del 13/04/2012
 
 
castellinforma
Consorzio Sistema Castelli Romani
Viale Giuseppe Mazzini, 12
Genzano di Roma (RM)
 
contatti
Telefono: 0693956063
info@castellinforma.it
facebook/castellinforma
 
 
 
 
DIRETTORE RESPONSABILE:
Claudia Recchi
 
REDAZIONE EVENTI:
Marta Di Flumeri, Maurizio Reali, Chiara Rondoni
 
WEBMASTER:
Valerio Marino
 
SVILUPPO