Questo sito fa uso di cookie, propri o di terze parti,per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
Per avere maggiori informazioni sui cookies che usiamo e come eliminarli, consulta la nostra privacy policy

Accetto l’utilizzo dei cookies su questo sito 

 
 
Paesaggi del Corpo - Festival internazionale di danza
 
 
Dove e Quando
Teatro Artemisio Gian Maria Volonté
Via Edmondo Fondi s.n.c. - Velletri (RM)
DOM 26 SETTEMBRE 2021 - ore 18:00

Come
Evento per: Tutti
Per informazioni
Tel: 3312344833
 

Il Festival ha l'obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza della danza contemporanea in tutte le sue declinazioni con particolare attenzione a quei lavori che si collocano in un crocevia dove si incontrano le arti, innovando e dando vita a nuovi linguaggi

 

MOTUS in "A≠B Adiversodab"
una performance di danza contemporanea, energica, espressiva e a tratti ironica. Un’esibizione che affronta il tema delle diversità, interrogandosi sui concetti di uguaglianza ed equità. In breve, per denunciare che troppo spesso, citando Orwell: “Tutti sono uguali ma qualcuno è più uguale degli altri”.  A≠B utilizza il particolare stile coreografico della Compagnia per sottolineare che le diversità sono una ricchezza, da tutelare e valorizzare. Le coreografie sono di Simona Cieri (assistente alla coreografia Martina Agricoli) e la regia di Rosanna e Simona Cieri. 

 

In termini sociali ‘uguale’ sta per ‘medesimo’, ‘simile’, ma l’etimologia latina rimanda al termine aequus, con un forte richiamo al concetto di ‘equità e imparzialità per gli appartenenti alla stessa classe di equivalenza’. Si stabilisce così un’uguaglianza in base all’appartenenza ed una equità per chi fa parte del gruppo.

Quale criterio definisce l’equità e sancisce l’eguaglianza tra esseri umani? E chi decide chi è degno di essere considerato uomo e lascia ai margini chi è troppo dissimile? Oggi sono i confini politici e i passaporti che definiscono chi è fuori e dentro, con rituali di entrata, uscita, accesso (ovvero eguaglianza) o esclusione.

Il modello dominante è quello della sovranità statale basata sul principio di territorialità che delimita funzioni, identità e diritti al suo interno.

Quando circa 75 milioni di persone (come calcolato dalle Nazioni Unite nel periodo dal 1965 al 2000) attraversano confini per stabilirsi in paesi diversi da quelli di origine, chi determina dove e come siano tutelati i diritti umani? In una società mobile, con flussi migratori costanti, va riconosciuta l’uguaglianza fra chi convive e condivide la realtà sociale nel presente a prescindere dall’origine etnico-nazionale o è il passaporto, la nazionalità di provenienza a stabilire l’inclusione nel gruppo di ‘uguali’?

Sfortunatamente i principi che classificano gli “uguali” tra diverse nazionalità, o tra nord e sud del mondo, si estendono in maniera trasversale anche all’interno di una stessa nazione. Infatti, non esistono pari opportunità di genere, la povertà aumenta e la forbice tra ricchi e poveri è sempre più larga.

Come può essere garantito il principio di uguaglianza quando in Italia (Rapporto Oxfam) il 5% più ricco possiede il 40% della ricchezza nazionale netta?

Coreografia Simona Cleri

Concept e Drammaturgia Rosanna Cieri

Musica autori vari

Danzatori  Martina Agricoli, Paloma Biagioli, Filippo Di Crosta, Ilaria Fratantuono, Roberta Morello, Mattia Solano 

“AdiversodaB” è prodotto con il sostegno di Regione Toscana ed è parte del Progetto A-LIKE sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

CONDIVIDI
 
 
 
 

Il Festival ha l'obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza della danza contemporanea in tutte le sue declinazioni con particolare attenzione a quei lavori che si collocano in un crocevia dove si incontrano le arti, innovando e dando vita a nuovi linguaggi

 

MOTUS in "A≠B Adiversodab"
una performance di danza contemporanea, energica, espressiva e a tratti ironica. Un’esibizione che affronta il tema delle diversità, interrogandosi sui concetti di uguaglianza ed equità. In breve, per denunciare che troppo spesso, citando Orwell: “Tutti sono uguali ma qualcuno è più uguale degli altri”.  A≠B utilizza il particolare stile coreografico della Compagnia per sottolineare che le diversità sono una ricchezza, da tutelare e valorizzare. Le coreografie sono di Simona Cieri (assistente alla coreografia Martina Agricoli) e la regia di Rosanna e Simona Cieri. 

 

In termini sociali ‘uguale’ sta per ‘medesimo’, ‘simile’, ma l’etimologia latina rimanda al termine aequus, con un forte richiamo al concetto di ‘equità e imparzialità per gli appartenenti alla stessa classe di equivalenza’. Si stabilisce così un’uguaglianza in base all’appartenenza ed una equità per chi fa parte del gruppo.

Quale criterio definisce l’equità e sancisce l’eguaglianza tra esseri umani? E chi decide chi è degno di essere considerato uomo e lascia ai margini chi è troppo dissimile? Oggi sono i confini politici e i passaporti che definiscono chi è fuori e dentro, con rituali di entrata, uscita, accesso (ovvero eguaglianza) o esclusione.

Il modello dominante è quello della sovranità statale basata sul principio di territorialità che delimita funzioni, identità e diritti al suo interno.

Quando circa 75 milioni di persone (come calcolato dalle Nazioni Unite nel periodo dal 1965 al 2000) attraversano confini per stabilirsi in paesi diversi da quelli di origine, chi determina dove e come siano tutelati i diritti umani? In una società mobile, con flussi migratori costanti, va riconosciuta l’uguaglianza fra chi convive e condivide la realtà sociale nel presente a prescindere dall’origine etnico-nazionale o è il passaporto, la nazionalità di provenienza a stabilire l’inclusione nel gruppo di ‘uguali’?

Sfortunatamente i principi che classificano gli “uguali” tra diverse nazionalità, o tra nord e sud del mondo, si estendono in maniera trasversale anche all’interno di una stessa nazione. Infatti, non esistono pari opportunità di genere, la povertà aumenta e la forbice tra ricchi e poveri è sempre più larga.

Come può essere garantito il principio di uguaglianza quando in Italia (Rapporto Oxfam) il 5% più ricco possiede il 40% della ricchezza nazionale netta?

Coreografia Simona Cleri

Concept e Drammaturgia Rosanna Cieri

Musica autori vari

Danzatori  Martina Agricoli, Paloma Biagioli, Filippo Di Crosta, Ilaria Fratantuono, Roberta Morello, Mattia Solano 

“AdiversodaB” è prodotto con il sostegno di Regione Toscana ed è parte del Progetto A-LIKE sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

 
 
Il CastellInforma è uno strumento di divulgazione online degli eventi di interesse culturale sociale e turistico dei Castelli Romani. Curato dal Consorzio Sistema Castelli Romani (SCR), cui aderiscono i 17 Comuni dei Castelli, è un servizio delle biblioteche per il territorio.
 
Informazioni aggiuntive sugli eventi pubblicati andranno richieste agli organizzatori ai recapiti indicati. La Redazione declina ogni responsabilità per variazioni/cancellazioni degli eventi segnalati
 
Registrazione al Tribunale di Velletri N.7/12 del 13/04/2012
 
 
castellinforma
Consorzio Sistema Castelli Romani
Viale Giuseppe Mazzini, 12
Genzano di Roma (RM)
 
contatti
Telefono: 0693956063
info@castellinforma.it
facebook/castellinforma
 
 
 
 
DIRETTORE RESPONSABILE:
Claudia Recchi
 
REDAZIONE EVENTI:
Marta Di Flumeri, Maurizio Reali, Chiara Rondoni
 
WEBMASTER:
Valerio Marino
 
SVILUPPO